Tortello alla lastra

Def.:
Il tortello alla lastra è un crescione di forma quadrata (10-15cm di lato) con un ripieno a base di zucche e patate che si produce solitamente nell'Appennino sopra Cesena e Forlì. Il complemento "alla lastra" deriva dal fatto che storicamente venivano cotti su di una lastra di pietra

Che centra un fiero abitante di pianura come me con un prodotto tipico della collina? I miei nonni materni sono dell'Appennino Cesenate e quindi ho imparato a conoscere anche i tortelli alla lastra. Due sere fa abbiamo provato a cucinarli abbozzando una ricetta e siccome sono venuti buoni la riporto di seguito.

Ingredienti (per quattro persone):
  • 1kg di patate;
  • 500g di zucca già preparata (all'inizio era una zucca da 1kg);
  • 800g di farina;
  • Olio, sale, pepe, acqua, aromi (cipolla, aglio, rosmarino, ...).
Preparazione:
Prima di tutto si fanno lessare le patate sbucciate (è un "frutto" sotterraneo quindi devono essere messe a mollo in acqua già calda) e si fa lessare la zucca tagliata a spicchi e ripulita dai semi e dai filamenti (è un frutto sopra terra quindi va messa a mollo in acqua fredda).

Nel frattempo si prepara la sfoglia impastando farina, acqua calda e un pizzico di sale. La sfoglia deve rimanere abbastanza malleabile perché deve essere estremamente sottile.

Le patate e i pezzi di zucca lessati vanno poi passati nello schiacciapatate in modo da formare una pasta omogenea e non troppo umida (in particolare la pasta di zucche va scolata).

La pasta zucche-patate così ottenuta va amalgamata con un soffritto di spezie secondo i gusti (la tradizione dice soprattutto aglio ma io preferisco altri aromi tipo cipolla e rosmarino). Personalmente preferisco aggiungere anche molto pepe.

A questo punto si è pronti per realizzare la sfoglia ripiena semplicemente creando una sottilissima sfoglia circolare e stendendo in maniera uniforme il ripieno solo su metà di essa in modo da poter ripiegare la metà rimasta libera sopra il ripieno.
Picchiando con il mattarello sulla sfoglia ripiegata si crea il reticolo su cui poi si passerà con la rotella tagliente per separare i tortelli.

Cottura:

I tortelli andrebbero cotti su una pietra calda, in mancanza di quest'ultima si può ripiegare su una teglia di alluminio.
I tortelli possono essere consumati anche nei giorni successivi alla cottura, è solo necessario riscaldarli nuovamente.

1 commento:

Stefano Bianchini ha detto...

Che spettacolo Urbo, metti anche le ricette di cucina!!
Lo provo!

Posta un commento